annuncio

Modulo annuncio
Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Sedotto e abbandonato, declino e-commerce

Modulo titolo pagina
Sposta Rimuovi Comprimi
X
Modulo Dettagli conversazione
Comprimi
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Sedotto e abbandonato, declino e-commerce

    NEW YORK - Si sta forse chiudendo un ciclo? Il canale delle vendite online risulta in continua evoluzione: ma il giro d'affari è destinato a diminuire, già a partire dai prossimi anni. Parola del New York Times, che nella sua edizione domenicale analizza le previsioni del commercio elettronico in rete. «L'apice è stato oramai raggiunto, siamo di fronte ad una fase discendente per l'e-commerce?», si chiede il giornale americano. Gli indicatori segnalano un cambio di rotta negli acquisti online: «rate di crescita di oltre il 25% nel commercio elettronico, fanno ormai parte del passato», sostiene il quotidiano della Grande Mela. Specialmente i prodotti che fino ad oggi l'hanno fatta da padrone, vale a dire: libri, biglietti e accessori per Pc, registreranno un calo nel volume d'affari. «Gli analisti intravedono un giro di boa all'orizzonte per i "negozi virtuali"», aggiunge il NYT.
    LIBRI - L'istituto di ricerca di mercato «Forrester Research» stima per il commercio elettronico di libri per l'anno in corso una crescita solo dell'11%. Nel 2006 in questo campo si registrava ancora un aumento del 40%. Anche in altri settori è previsto un indebolimento generale del giro d'affari. A dover fare i conti col trend negativo anche i negozi online di articoli sportivi, telefoni cellulari, computer e tv, accessori e ricambi per l'auto.
    2010 – Secondo le grafiche dell'istituto «Jupiter Research», la curva di crescita si sta appiattendo. Nel 2010, calcola Jupiter Research, il commercio online crescerà solo del 9%. Entro quattro anni il fatturato in rete si attesterà al 7% dell'intero commercio al minuto, pronosticano gli analisti del NYT.
    NUMERI – Il trend viene confermato in questi giorni dai dati riferiti al primo trimestre dai giganti del web. EBay ha registrato nelle vendite sul suo sito, nei primi tre mesi dell'anno, solo un 1% di crescita rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il volume d'affari di Dell, azienda americana leader nella produzione di computer, ha raggiunto solo una parità da gennaio ad aprile sui mercati di Stati Uniti, America Latina e Canada. Dell, dal canto suo, ha però già reagito: se finora un gran numero di pc erano disponibili solo online, da qualche settimana si trovano anche sugli scaffali dei supermercati Wal-Mart.
    NEGOZI - L'analisi del NYT pone anche l'accento sul costo di spedizione della merce, aumentato radicalmente nell'ultimo periodo. Dice Nancy F. Koehn della «Harvard Business School»: «Molti commercianti hanno capito che entrare in un negozio, vedere e toccare i prodotti esposti – addirittura provarli - è ritornata ad essere "un'avventura" per il consumatore. Lo shopping-online viene visto invece da molti come "un lavoro", quindi poco attraente».
    CLICKS-AND-BRICKS - Infatti, molte aziende stanno cambiando strategie. La parola d'ordine è «tornare ai fondamentali». Si sta facendo strada un nuovo modello: il «clicks and bricks», mouse e mattoni, per sintetizzare una versione ibrida di shopping online e offline. La cantena di libri «Borders» offre la possibilità di comprare il prodotto con un click, ma di ritirarlo direttamente in negozio.
    Elmar Burchia

    Più...
    Ultima modifica di AndreaSpedale; 17-06-2007, 23:16.
Sto operando...
X