e - Commerce  AICEL FORUM   - dove l'ecommerce si incontra  

Torna indietro   e - Commerce AICEL FORUM - dove l'ecommerce si incontra > Parliamo di... > Burocrazia

Avvisi

Burocrazia Cosa devo fare per.....? Qual é la legge di riferimento per...? Se non rispetto questa norma che succede? Come devo comportarmi se... ? Mi è successo che... Tutto quello che c'è da sapere per essere in "regola"


Discussione chiusa
Strumenti discussione Modalità visualizzazione
  #1  
Non letto 04-01-2008, 13:48
dannet dannet non è connesso
Junior Member
 
Data registrazione: Jul 2006
Messaggi: 2
Unhappy Nuovo regime fiscale

salve a tutti sono un piccolo imprenditore, che oltre al lavoro nel mio paese, offre dei servizi tramite un sito web, rientro nella categorie per tipologia e per criteri nel nuovo egime fiscale.
la domanda che mi faccio alla quale non ho trovato risposta è:
1 - nel sito web nel carrello devo indicare il prezzo del servizio con l'IVA ho NO?
2- la fattura visto che non deve contenere L'IVA, ma la dicitura "operazione effettuata ai sensi dell’art.1 comma 100 della legge finanziaria per il 2008" come la devo compilare, anche il mio commercialista ha difficoltà nel rispondermi.

Riflessione, se nel carrello non devo indicare l?IVA, il cliente potrebbe rivolgersi ad un altro fornitore di servzi che offre l'IV?
spero ci sia qualcuno di buona volonta che sappia la risposta.
cordiali Saluti
Danilo
__________________
Danilo
  #2  
Non letto 06-01-2008, 17:20
Giulio Giulio non è connesso
Member
 
Data registrazione: Aug 2007
Messaggi: 56
Predefinito

lascia perdere questo "nuovo regime" che oltre ad essere un vero obbrobrio giuridico, comporta un notevole incremento di problematiche contabili-fiscali (per verificare periodicamente se puoi accedere al regime) e soprattutto un inasprimento della tassazione (infatti, proprio al contrario di ciò che dicono, le imposte alla fine sono maggiori rispetto ad un regime "nuove iniziative imprenditoriali" o ad un regime ordinario).

Inoltre tu perdi completamente la detraibilità dell'IVA sugli acquisti, quindi di fatto "paghi" i tuoi fornitori il 20% in più, e dovrai necessariamente riportare tale ricarico sul cliente: quindi anche se non applichi l'IVA sulle vendite, il tuo prezzo, per avere un minimo di margine, dovrà essere per forza più alto del normale "imponibile" che avresti avuto in caso di applicazione dell'IVA.
Ciò comporta ovviamente la preferenza, da parte di eventuali clienti che si scaricano l'IVA, per chi l'IVA la applica.

Ad ogni modo ti consiglio di contattare un buon consulente in merito, per approfondire tutti gli altri innumerevoli danni che questo nuovo regime fiscale introduce.
__________________
* www.studiobenedetti.eu * Dottori Commercialisti *
  #3  
Non letto 06-01-2008, 19:01
L'avatar di angelo_ew
angelo_ew angelo_ew non è connesso
Associato AICEL
 
Data registrazione: Apr 2004
Messaggi: 453
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Giulio Visualizza messaggio
Inoltre tu perdi completamente la detraibilità dell'IVA sugli acquisti, quindi di fatto "paghi" i tuoi fornitori il 20% in più, e dovrai necessariamente riportare tale ricarico sul cliente: quindi anche se non applichi l'IVA sulle vendite, il tuo prezzo, per avere un minimo di margine, dovrà essere per forza più alto del normale "imponibile" che avresti avuto in caso di applicazione dell'IVA.
Forse perchè l'agevolazione è rivolta amggiormente ai consulenti, liberi professionisti etc.. invece dei commercianti ?

In effetti un commerciante che fatturi al massimo 30.000 euro l'anno è meglio che chiuda bottega.

Per starci benino bisognerebbe almeno mettero uno zero finale.

Ciaoooooooooooooooooooooooo
  #4  
Non letto 06-01-2008, 21:31
L'avatar di 18carati
18carati 18carati non è connesso
Associato AICEL
 
Data registrazione: May 2005
Località: Arezzo
Messaggi: 1,169
Invia un messaggio tramite Skype™ a 18carati
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da angelo_ew Visualizza messaggio
Forse perchè l'agevolazione è rivolta amggiormente ai consulenti, liberi professionisti etc.. invece dei commercianti ?

In effetti un commerciante che fatturi al massimo 30.000 euro l'anno è meglio che chiuda bottega.

Per starci benino bisognerebbe almeno mettero uno zero finale.

Ciaoooooooooooooooooooooooo
Concordo.
Un commerciante che non fattura 30.000 euro/anno è un miracolo che stia aperto gia solo per questo ...
Dovrebbero accordargli un sussidio di sopravvivenza !!! buffoni !!!

P.S. però chi commercia in fiammiferi è tassativamente escluso dal regime semplificato ......buahahahahaha.....

Nei paese civili il 20% lo pagano tutti, ma sugli utili effettivi.

meditate gente meditate
  #5  
Non letto 07-01-2008, 10:17
dannet dannet non è connesso
Junior Member
 
Data registrazione: Jul 2006
Messaggi: 2
Predefinito grazie

Ringrazio tutti per le risposte,
ma non sono un commerciante, svolgo servizi ho una piccola attività di elaborazione elettronica dati, siti web servizi ai cittadini, ecc e servizi web, non raggiungo le cifre sopra cittate, ma non ho costi elevati, i miei costi sono rappresentati solo da bollette abbonamenti telefonici e energia eltrica.
Comunque ho fatto delle verifiche anche con fogli di excel, solo il fatto di risparmiare la tenuta della contabilità, gli studi di settore, sono due ottimi argomenti, infatti anche se il mio giro di affari non è elevato potri essere sempre non congruo e sogetto a dispendiosi e costose controversie con l'ag. delle entrate.
Aderiro al nuovo regime, anche pagando qualcosa in più. il risparmio è dato dal non utilizzo del commercialista, dalla esclusione degli studi di settore, dalla semplificazione. pago il 20% sò che è quello e non devo stare li a fare versamenti per iva, con f24, colloqui con il commercilista ecc. ecc.
ciao
__________________
Danilo
  #6  
Non letto 07-01-2008, 14:18
spiderpanoz spiderpanoz non è connesso
Junior Member
 
Data registrazione: Nov 2006
Messaggi: 28
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da dannet Visualizza messaggio
Ringrazio tutti per le risposte,
ma non sono un commerciante, svolgo servizi ho una piccola attività di elaborazione elettronica dati, siti web servizi ai cittadini, ecc e servizi web, non raggiungo le cifre sopra cittate, ma non ho costi elevati, i miei costi sono rappresentati solo da bollette abbonamenti telefonici e energia eltrica.
Comunque ho fatto delle verifiche anche con fogli di excel, solo il fatto di risparmiare la tenuta della contabilità, gli studi di settore, sono due ottimi argomenti, infatti anche se il mio giro di affari non è elevato potri essere sempre non congruo e sogetto a dispendiosi e costose controversie con l'ag. delle entrate.
Aderiro al nuovo regime, anche pagando qualcosa in più. il risparmio è dato dal non utilizzo del commercialista, dalla esclusione degli studi di settore, dalla semplificazione. pago il 20% sò che è quello e non devo stare li a fare versamenti per iva, con f24, colloqui con il commercilista ecc. ecc.
ciao
la convenienza del regime è da valutare caso per caso come sempre.

Il nuovo regime dei minimi sembra decisamente consigliato per:
le piccole partite iva, professionisti ed imprese, che operano nel settore dei servizi ed hanno pochi costi da scaricare e non risultano quindi danneggiati dalla indetraibilità dell'IVA. I vantaggi aumentano all'avvicinarsi alla soglia limite dei ricavi 30.000 euro. Da valutare l'utilità del regime caso per caso con il proprio commercialista al diminuire dei ricavi complessivi.
chi ha come clienti i privati (non viene effettuata ritenuta)
chi ha altri redditi che può evitare il cumulo ( es. lavoratore dipendente che decide di aprire partita iva.
__________________
www.dottorecommercialista.eu: Consulenza fiscale, societaria, privacy.
  #7  
Non letto 07-01-2008, 21:03
Antica Bottega Antica Bottega non è connesso
Member
 
Data registrazione: Dec 2007
Messaggi: 43
Predefinito Convenienza

Citazione:
Originalmente inviato da spiderpanoz Visualizza messaggio
la convenienza del regime è da valutare caso per caso come sempre.

Il nuovo regime dei minimi sembra decisamente consigliato per:
le piccole partite iva, professionisti ed imprese, che operano nel settore dei servizi ed hanno pochi costi da scaricare e non risultano quindi danneggiati dalla indetraibilità dell'IVA. I vantaggi aumentano all'avvicinarsi alla soglia limite dei ricavi 30.000 euro. Da valutare l'utilità del regime caso per caso con il proprio commercialista al diminuire dei ricavi complessivi.
chi ha come clienti i privati (non viene effettuata ritenuta)
chi ha altri redditi che può evitare il cumulo ( es. lavoratore dipendente che decide di aprire partita iva.

Salve sono nuovo e mi chiamo Alfonso.
Volevo intervenire brevemente in questa discussione in quanto mi sembra affrettato dare giudizi negativi al nuovo regime fiscale (forfettone).
Io ho un e-commerce che essendo on line da un anno circa non supero i 30.000 e le mie vendite sono esclusivamente rivolte a privati come penso l'80% dei siti e-commerce.
Per me e per molti il fatto di poter scontare il 20% tutti i prodotti può rappresentare sicuramente un'ottimo biglietto da visita.
E poi ricordiamoci che con il forfettone non si è soggetti ai temuti studi di settore.
Non so se mi spiego!
Buona sera a tutti.
  #8  
Non letto 07-01-2008, 21:40
L'avatar di 18carati
18carati 18carati non è connesso
Associato AICEL
 
Data registrazione: May 2005
Località: Arezzo
Messaggi: 1,169
Invia un messaggio tramite Skype™ a 18carati
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Antica Bottega Visualizza messaggio
Salve sono nuovo e mi chiamo Alfonso.
Volevo intervenire brevemente in questa discussione in quanto mi sembra affrettato dare giudizi negativi al nuovo regime fiscale (forfettone).
Io ho un e-commerce che essendo on line da un anno circa non supero i 30.000 e le mie vendite sono esclusivamente rivolte a privati come penso l'80% dei siti e-commerce.
Per me e per molti il fatto di poter scontare il 20% tutti i prodotti può rappresentare sicuramente un'ottimo biglietto da visita.
E poi ricordiamoci che con il forfettone non si è soggetti ai temuti studi di settore.
Non so se mi spiego!
Buona sera a tutti.
Ciao e benvenuto.

Ti spieghi ma mi sa che hai fatto male i conti:

Considera, come qualcuno ha già ricordato più su, che è vero che non applichi l'iva a debito, ma nemmeno porti in deduzione quella a credito ==> a parità di utile è penalizzante se vendi anche B2B poichè l'azienda che compra da te non potrà portare iva in detrazione, provare per credere. Se vendi solo B2C sconti di circa il 5% rispetto a chi è in regime iva normale

Inoltre per il primo anno d'attività, se non ricordo male, gli studi non si applicano ugualmente.

E comunque il discorso mio e di altri era più di carattere generale: Ti sembra a conti fatti un provvedimento risolutore e di grande respiro ?
In molti paesi della EU le imposte societarie sono al 20% da una vita e per tutti, anzi, se si considera la totale deducibilità di molti oneri (quindi la quasi coincidenza dell'utile civile con quello fiscale) il gap con la tassazione italiana assume contorni grotteschi.

Ma non riusciamo proprio a copiare gli altri ? dico...basta copiare, non c'è da inventare niente...
  #9  
Non letto 07-01-2008, 23:00
Antica Bottega Antica Bottega non è connesso
Member
 
Data registrazione: Dec 2007
Messaggi: 43
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Tomcat Visualizza messaggio
Ciao e benvenuto.

Ti spieghi ma mi sa che hai fatto male i conti:

Considera, come qualcuno ha già ricordato più su, che è vero che non applichi l'iva a debito, ma nemmeno porti in deduzione quella a credito ==> a parità di utile è penalizzante se vendi anche B2B poichè l'azienda che compra da te non potrà portare iva in detrazione, provare per credere. Se vendi solo B2C sconti di circa il 5% rispetto a chi è in regime iva normale

Inoltre per il primo anno d'attività, se non ricordo male, gli studi non si applicano ugualmente.

E comunque il discorso mio e di altri era più di carattere generale: Ti sembra a conti fatti un provvedimento risolutore e di grande respiro ?
In molti paesi della EU le imposte societarie sono al 20% da una vita e per tutti, anzi, se si considera la totale deducibilità di molti oneri (quindi la quasi coincidenza dell'utile civile con quello fiscale) il gap con la tassazione italiana assume contorni grotteschi.

Ma non riusciamo proprio a copiare gli altri ? dico...basta copiare, non c'è da inventare niente...

Forse non mi sono spiegato bene.
Io dicevo che nel mio caso e come tanti come me che vende esclusivamente a privati la cosa può essere positiva.
Io faccio parte di quelle migliaia di piccole realtà nel web che fatturano piccole somme (il mio sito è un secondo lavoro) e che non hanno grosse somme da portare in detrazione.
Io acquisto (gran parte sul venduto) e vendo.
Non pago affitto non ho dipendenti e non verso i contributi perche sono gia lavoratore dipendente.
Per quelli come me questo regime può (sottolineo può) rappresentare un'opportunità per acuisire nuova clientela abbassando i prezzi e perciò aumentando il fatturato.
Dovrò valutare se vale la candela come si dice dalle mie parti.
Io ho aderito al regime semplificato che già è molto vantaggioso per noi nuovi arrivati (per intenderci quello dove si paga per tre anni il 10% sull'utile a fine anno).
Grazie per la tua risposta e buona serata a tutti.
  #10  
Non letto 07-01-2008, 23:08
Antica Bottega Antica Bottega non è connesso
Member
 
Data registrazione: Dec 2007
Messaggi: 43
Smile

Citazione:
Originalmente inviato da Tomcat Visualizza messaggio
Ciao e benvenuto.

Ti spieghi ma mi sa che hai fatto male i conti:

Considera, come qualcuno ha già ricordato più su, che è vero che non applichi l'iva a debito, ma nemmeno porti in deduzione quella a credito ==> a parità di utile è penalizzante se vendi anche B2B poichè l'azienda che compra da te non potrà portare iva in detrazione, provare per credere. Se vendi solo B2C sconti di circa il 5% rispetto a chi è in regime iva normale

Inoltre per il primo anno d'attività, se non ricordo male, gli studi non si applicano ugualmente.

E comunque il discorso mio e di altri era più di carattere generale: Ti sembra a conti fatti un provvedimento risolutore e di grande respiro ?
In molti paesi della EU le imposte societarie sono al 20% da una vita e per tutti, anzi, se si considera la totale deducibilità di molti oneri (quindi la quasi coincidenza dell'utile civile con quello fiscale) il gap con la tassazione italiana assume contorni grotteschi.

Ma non riusciamo proprio a copiare gli altri ? dico...basta copiare, non c'è da inventare niente...
Ah mi dimenticavo!
In riguardo al discorso dei paesi le cui imposte sono al 20%
(comunque sinceramente non credo che paesi EU possano sopravvivere con tasse al 20%)
comunque anche se ci fossero questi paesi che oserei chiamare paradisi fiscali forse ti sei dimenticato che l'italia ha uno dei debiti pubblici più alti del mondo.
Non credo proprio che potremo mai copiare.
Discussione chiusa


Utenti attualmente attivi che stanno leggendo questa discussione: 1 (0 utenti e 1 ospiti)
 
Strumenti discussione
Modalità visualizzazione

Regole messaggi
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Nuovo regime dei minimi o regime ordinario. Dal 2012 non c'è più scelta? Blues Burocrazia 2 22-07-2011 19:21
scelta del regime fiscale y4n3z Cosa fare per.... 13 11-05-2010 16:14
nuovo regime fiscale e-commerce? patrol Riferimenti Normativi 7 10-01-2009 15:52
regime fiscale agevolato help Giupes Burocrazia 4 13-11-2007 01:15
Mod aa9 e regime fiscale and_tor Burocrazia 4 01-10-2007 10:10


Tutti gli orari sono GMT +3. Adesso sono le 09:48.


Powered by vBulletin® versione 4.1.12
Copyright ©2000 - 2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Aicel - Associazione Italiana Commercio ELettronico
C.F. 93022240175