annuncio

Modulo annuncio
Comprimi

Regolamento del Forum Aicel.it (leggere prima di postare)


Visualizza altro
Visualizza di meno

IVA su spedizioni postali su registro corrispettivi

Modulo titolo pagina
Sposta Rimuovi Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
Modulo Dettagli conversazione
Comprimi
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • IVA su spedizioni postali su registro corrispettivi

    Salve,
    prima di tutto mi presento. Sono Michele e ho appena aperto la partita IVA e ralativa iscrizione alla camera di Commercio.
    Vado al sodo, ho un dubbio che leggendo i vari post non sono riuscito a risolvere. Io spedisco piccoli oggetti e inizialmente userò le poste italiane (posta prioritaria e posta raccomandata) , non avendo l'obbligo di emettere fattura verso i privati dovrei solo registrare il tutto nel registro dei corrispettivi. Il mio dubbio è il seguente: come posso non pagare l'IVA anche sul costo delle spedizioni se faccio solo una semplice registrazione giornaliera dei corrispettivi? Dovrei dividere i costi delle spedizioni e registrarli nell'apposita colonna (esenti IVA)?
    Grazia anticipatamente per la risposta
    Michele

  • #2
    si, li puoi registrare nella colonna che hai detto o su una qualsiasi colonna del registro che adibisci a queste scritture.
    In testa a questa colonna indichi l'articolo di esenzione (il 15).
    ciao
    sergio
    http://www.mondobimbi.com
    giocattoli-online

    Commenta


    • #3
      Grazie Sergio per la risposta.
      Ho un altro piccolo dubbio che sarei felice qualcuno mi chiarisse. Essendo io venditore al dettaglio quando devo emettere fattura (su richiesta) devo indicare l'imponibile diviso dall'IVA o posso direttamente scrivere nella fattura il corrispettivo(e indicare l'aliqiuota IVA aplicata)?
      Grazie in anticipo
      Michele

      Commenta


      • #4
        Io indico in fattura il prezzo al pubblico - che è quello a cui il cliente compra - e poi in una tabellina in un angolo metto lo scorporo dell'IVA nelle varie aliquote, nelle varie voci (imponibile, IVA, lordo).
        ------------------------
        Susanna
        Giardino Italiano, www.giardino.it, www.pens.it

        Commenta


        • #5
          puoi fare come vuoi, anch'io, vendendo a privati, indico il prezzo lordo.
          Devi però evidenziare gli imponibili iva, divisi per aliquota, e la relativa iva. Inoltre in caso di esenzione iva devi indicare l'articolo applicabile.
          ciao
          sergio
          http://www.mondobimbi.com
          giocattoli-online

          Commenta


          • #6
            Nella fattura occorre specificare per legge (art.21 dpr 633/72) alcuni elementi obbligatori quali:
            - data emissione num.progressivo per anno solare,
            - dati identificativi dei soggetti: num.partita iva e e codice fiscale (se diverso) del cedente o prestatore (nel caso di operazioni intracomunitarie è anche necessario il num di p.iva dei committenti o cessionari preceduta dal codice identif. dello Stato)
            - natura qualità, qauntità dei beni o servizi venduti (non è ammessa un'indicazione generica che non consenta di individuare i beni o servizi; è ammesso un codice ma la fattura deve contenere una legenda)
            - la base imponibile
            - gli sconti i premi e gli abbuoni
            - l'aliquota iva applicata l'ammontare dell'imposta e dell'imponibile (il famoso scorporo) (nel caso di esenzione o esclusione, il titolo e la norma di riferimento)
            - ecc.ecc. (mi limito a questi)
            Questo per far capire "quello che c'è dietro" la "semplice" emissione di una fattura.
            Dott.Marcello Milone

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da sergio Visualizza il messaggio
              si, li puoi registrare nella colonna che hai detto o su una qualsiasi colonna del registro che adibisci a queste scritture.
              In testa a questa colonna indichi l'articolo di esenzione (il 15).
              ciao
              sergio
              Ciao anche io faccio così' nella colonna operazioni esenti o non imponibili inserisco l'importo delle raccomandate citando l'art 15

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da jm89nb Visualizza il messaggio
                Ciao anche io faccio così' nella colonna operazioni esenti o non imponibili inserisco l'importo delle raccomandate citando l'art 15
                Ma nella colonna dell'imponibile metti l'importo globale compreso delle spese di spedizione? Io non riesco a capire se l'importo della colonna non imponibile è un di cui dell'importo globale?
                http://www.fashionmodaonline.it

                Commenta


                • #9
                  praticamente uso tre colonne

                  in una metto il totale comprese le spedizioni

                  in una metto il totale escluse le spedizioni

                  e nell'ultima (dove cito l'art 15) il costo delle spedizioni.

                  spero di essere stato chiaro!!!

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da jm89nb Visualizza il messaggio
                    praticamente uso tre colonne

                    in una metto il totale comprese le spedizioni

                    in una metto il totale escluse le spedizioni

                    e nell'ultima (dove cito l'art 15) il costo delle spedizioni.

                    spero di essere stato chiaro!!!
                    Scusate se torno ancora sull'argomento.
                    Si è chiaro ed è quello che faccio anche io. Quindi l'ultima colonna (Op. esenti/non impon.) non è un di cui. Il problema però si pone sulla registrazione delle autofatture per acquisti da fornitori esteri intracomunitari. In questo caso nella seconda colonna (Corrispettivi) metto l'importo dell'autofattura compreso di iva e nella terza colonna l'imponibile della fattura ricevuta in modo da stornare tale importo dai corrispettivi di vendita. Però in questo caso il valore che vado a scrivere nella terza colonna diventa un 'di cui'.... Quindi quando faccio i totali a fine mese nella colonna delle oper. esenti non imponib. mi ritrovo insieme dei controvalori che dovrei togliere dai corrispettivi (autofatture) ed altri invece no (spese postali).

                    E' qui che non mi torna....spero di essere stato chiaro.
                    http://www.fashionmodaonline.it

                    Commenta


                    • #11
                      Nessuno di voi si è trovato ad affrontare la mia stessa casistica?
                      Grazie !
                      http://www.fashionmodaonline.it

                      Commenta

                      Sto operando...
                      X