annuncio

Modulo annuncio
Comprimi

Regolamento del Forum Aicel.it (leggere prima di postare)


Visualizza altro
Visualizza di meno

Trovare fornitori per dropshipping

Modulo titolo pagina
Sposta Rimuovi Comprimi
X
Modulo Dettagli conversazione
Comprimi
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Trovare fornitori per dropshipping

    Salve a tutti, è il mio primo post su aicel.it
    Se l'ho postato nella sezione sbagliata prego i moderatori di spostarlo

    ho intenzione di aprire un negozio online. L'idea che ho è ben definita: vendere articoli principalmente di 3-4 produttori. L'assortimento base di partenza sarà di circa 5-15 modelli per produttore.

    Per trovare distributori ho tentato la via più semplice (e anche quella più improbabile), ho mandato una email direttamente ai produttori chiedendo l'elenco dei distributori. Ovviamente nessuno di loro mi ha risposto. Vuoi perchè non ho partita IVA e per ora non c'è niente di concreto, vuoi perchè ovviamente non possono indicare un distributore piuttosto che un altro.

    Il negozio che intendo aprire sarà gestito in dropshipping, senza intermediari di dubbia affidabilità, gestendo i rapporti direttamente con i fornitori e non con "fantomatiche aziende specializzate in dropshipping"

    Come mi consigliate di muovermi per trovare fornitori che siano disposti a fare dropshipping?

  • #2
    Ciao kkkkk, io lavoro dal febbraio del 2011 con il drop della San Marco srl con risultati soddisfacenti.
    Per saperne di più, ti indico il sito a cui puoi riferirti..... ww.grupposanmarco.eu

    Auguri...


    EDIT URL RIMOSSO: Vogliamo leggere il regolamento che si sottoscrive ?
    Marino
    Ultima modifica di all-service; 31-01-2012, 18:38. Motivo: url rimosso

    Commenta


    • #3
      Buongiorno a tutti,
      questo è il mio primo messaggio sul forum: ho deciso di riportare parte della mia esperienza dopo aver letto che molte persone intendono aprire un e-commerce in dropshipping, in modo da fornire spunti di riflessione.

      Il primo (e fondamentale) problema delle aziende più note che forniscono in Italia il dropship è che, loro stesse, vendono al cliente finale tramite shop online.

      I prezzi di vendita riservati ai rivenditori sono veramente ridicoli: prendete il vostro prezzo da rivenditore, aggiungete solo l'iva e vi renderete conto che il risultato sarà identico al prezzo che queste aziende praticano al cliente finale.
      Quindi se a questi prezzi vorrete aggiungere un minimo di ricavo (10% ad esempio), automaticamente sarete già fuori mercato.

      Per farvi capire il far-west che regna tra i piccoli e-commerce del nostro paese, fate una prova inserendo in google il codice prodotto che vi fornisce una di queste società di drop-ship. Troverete centinaia di risultati! Ognuno di questi sarà un vostro concorrente e ognuno di questi acquista dal vostro stesso fornitore!

      Cosa comporta tutto ciò?
      Che voi vendete cercando un ricavo del 10%; il secondo e-commerce sa del vostro 10 e fa l'8%; il terzo decide per il 5% e così via fino ad arrivare a ricavi assurdi sull'1-2%! Probabilmente questi ultimi commercianti cercano di puntare sui volumi di vendita, ma rendetevi conto che ormai i volumi sono pura utopia.


      Un altro problema con le aziende in drop-ship è l'assistenza; il reso dei prodotti difettosi e il recesso.
      Alcune di queste società hanno sedi logistiche all'estero, quindi state bene attenti a chi scegliete come partner commerciale. Inoltre occhio alle clausole contrattuali perchè a spedire il prodotto al vostro cliente fanno alla svelta, ma poi al minimo problema possono essere cavoli amari.



      Personalmente ho iniziato con il drop-shipping, ma sono immediatamente passato a distributori tradizionali per i motivi sopra descritti.
      Spero di avervi dato qualche spunto di riflessione.

      Commenta


      • #4
        Tutto chiaro e grazie per la riflessione, diciamo che tu hai specificato dropship Italia...e inoltre c'è concorrenza anche tra i vari fornitori...

        Commenta


        • #5
          Sì Roberto, principalmente parlo di dropship italiano, anche se ho avuto esperienze negative con un noto gruppo che ha uffici anche in Italia, ma di fatto è francese e gestisce l'intera logistica da là.

          Vero anche che la concorrenza va accettata perchè ormai non esiste più nessuna nicchia e nessuna oasi felice, ma quello che -a mio parere- i distributori non dovrebbero fare è vendere loro stessi b2c tramite web. Questo non lo trovo giusto perchè, così facendo, non esiste nessuna sana concorrenza, dato che hanno dei prezzi finali irraggiungibili per qualsiasi rivenditore.

          Qualche mese fa ho partecipato ad un incontro del politecnico di Milano, osservatorio sull'e-commerce, e ho finalmente compreso la realtà dell'ecommerce italiano: cioè, quando si dice -dati alla mano- che questo settore registra incrementi ed è il futuro del commercio, nessuno ti dice che in realtà tutta la torta è spartita tra pochissimi IMMENSI competitors (pochissimi perchè si contano sulle dita di una mano).
          Questi pochi fanno il 95% del fatturato globale del settore.
          Quindi il futuro del commercio via web è previsto all'incremento, ma si parla sempre dei soliti nomi.

          Quale futuro per i "piccoli"? (Si capisce che sono parecchio sconfortato?)

          Commenta


          • #6
            esatto devi vedere le mie parole come una conferma...purtroppo.

            Ho studiato per bene il meccanismo e se un "privato" pensa di aprire un e-commerce solo perchè si sente più "furbo" di altri probabilmente si sbaglia.

            Io non posso fare pubblicità al mio sito però ho un'attività che mi rende bene (il "bene" chiaramente è sempre relativo) e mantengo fortunatamente allo stesso tempo un lavoro a tempo indeterminato.

            Commenta


            • #7
              qui c e' una lista di dropshipper.

              • Esprinet
              • Pixmania-pro
              • Einfor
              • Smartstuffimport
              • ferencdesign/ sezione dropshipping
              • OLC Distribuzione
              • Ingram Micro
              • Computer Gross
              • Mondo Informatica
              • Smmon-line
              • Tecmania
              • Informaticaweb
              • Alibaba
              • Astaingriglia
              • Dropsheep
              • Lindy
              • Informaticaperte
              • Cdcpoint
              • Techdata.it


              Buona fortuna.

              Commenta


              • #8
                Ciao,

                i margini per vendere i prodotti in dropship sono variabili influenzati anche dal categoria merceologica.

                Se prendete come esempio sempre i fornitori di elettronica, è inevitabile che i margini siano ridotti perché loro stessi li hanno risicati.

                Dropshipping non è solo elettronica, anche se è un settore che continua ad attirare i più, che spesso non considerano gli investimenti pubblicitari dovranno affrontare oltre alla lotta all'ultimo centesimo.

                @KKKKK "fantomatiche aziende specializzate in dropshipping"?
                In italia ci sono anche fornitori seri, tutto dipende da quello che si cerca.
                Quale azienda produttrice dovrebbe offrirti un servizio del genere?

                @GiacomoErre "Il primo (e fondamentale) problema delle aziende più note che forniscono in Italia il dropship è che, loro stesse, vendono al cliente finale tramite shop online".
                A volte bisogna guardare attentamente, se anche è presente un e-commerce vetrina (che spesso è quello che poi ti permette di conoscere il fornitore) questo dovrebbe avere prezzi appositamente alti per evitare la concorrenza con i propri clienti.

                @Raider nella tua lista, oltre a fare qualche aggiunta, forse andrebbero tolti i fornitori di software, anche se sono molto utilizzati, perché non sono dropshipper.
                Ultima modifica di Davide Antico; 12-04-2012, 09:59.
                DropShip DropShipper DropShipping

                Commenta


                • #9
                  Davide, tutto giusto quello che dici.
                  La mia esperienza si è rivelata negativa a causa di due GROSSI fornitori che, fino a pochi mesi fa, proponevano in vendita, sul loro personale e-commerce, i prodotti con un ricarico elevato, in modo da permettere ai dropshippers una concorrenza corretta.
                  Poi hanno deciso -e qui non ne capisco le ragioni- di invertire la tendenza.

                  Adesso i prodotti che vendono direttamente b2c, tolta solo l'iva, risultano di esatto importo proposto ai dropshipper.
                  Quindi è come se volessero eliminare la concorrenza.
                  Poi, però, continuano ad incentivare il dropshipping arrivando a grossi stand anche alla smau a Milano.

                  Non capisco la loro politica marketing........

                  Commenta


                  • #10
                    Tra le mail di oggi,ho trovato questi che propongono 40.000 prodotti in drop shipping ,non ho letto molto per la furia ma puoi dare un occhiata ,potrebbe essere interessante : pcfoto.it

                    Commenta


                    • #11
                      Certo che prima di mettere in piedi un sito b2b, saper scrivere in italiano dovrebbe essere il minimo..... terribile

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da Raider Visualizza il messaggio
                        Tra le mail di oggi,ho trovato questi che propongono 40.000 prodotti in drop shipping ,non ho letto molto per la furia ma puoi dare un occhiata ,potrebbe essere interessante : pcfoto.it
                        Altro interessante esempio di "dropshipper"...

                        Vi invito a cercare il codice riferimento prodotto n. 12376526 su questo sito e su pixmania...così potrete capire da soli chi è il dropshipper...

                        In questo modo, tutto possono essere fornitori con migliaia di prodotti, basta usare i cataloghi di chi i prodotti li ha...senza parlare delle descrizioni, delle foto ecc.

                        Se si vuole fare un lista seria, questi piccoli dettagli vanno guardati.


                        Davide Antico
                        Responsabile Marketing Bazarissimo
                        DropShip DropShipper DropShipping

                        Commenta


                        • #13
                          Dunque vi dirò cosa ne penso, premettendo che frequento poco il forum per rispondere ai thread ma seguo sempre le varie discussioni...scusate se non sarò breve.
                          Il discorso non è tanto spu####re i vari fornitori che si spacciano per tali andando a fare i controlli su dove e da chi acquistano la merce, è anche ovvio che dietro ogni fornitore ci sia un grosso fornitore e così via...ci sarà pure una fonte distributiva sul mercato no?
                          Per quanto riguarda questa problematica che affligge l'ecommerce italiano io credo che i problemi ci siano realmente e l'ecommerce in italia credo vada a finire.Scusatemi se sono tragico ma per me il discordo è questo.
                          1) L'ecommerce in italia è difficile, estenuante e burocratico come un qualunque negozio e un lavoro o scopo solo per i già ricchi imprenditori che con spalle ben protette di capitali possono decidere di entrare anche in questo business anche a costo di bruciare molti soldi.
                          2) Al contrario, chi lo fa anche per passione sono pochi e passione significa riuscire bene,distinguersi ma farlo capire al cliente finale è impossibile.Per il piccolo i costi sono gli stessi ma non i risultati perchè richiedono molti investimenti. Credo che oggi siamo in troppi a fare questa attività, chissà perchè?Il lavoro non si trova in genere?A 18 anni è più facile improvvisarsi super venditori online da 1000 prodotti?E' facile far concorrenza sleale?Siamo tutti amanti e intenditori di elettronica?Cè la moda in italia di copiarsi e di seguire tutti la stessa corrente?
                          3) Questo tipo di attività andrà ad esaurirsi perchè i settori merceologici sono strasfruttati oramai, i margini per l'elettronica e informatica sono ridicoli e per ciò che si guadagna conviene fare il dipendente..è vera questa teoria per molti, almeno ti tassano in partenza e ti ci abitui più o meno ed hai meno responsabilità, vero anche questo. Che si farà quando ormai nulla si potrà più vendere perchè anche facendo concorrenza sleale si capirà che sono di più le spese anche pubblicitarie che i guadagni?Quando ormai i prodotti di elettronica satureranno la domanda del cliente, tra l'altro diventando anche meno difettosi e più duraturi?Oggi tutti hanno un tablet, uno smartphone che bene o male fa tutto, ma sono sempre meno quelli che spendono grosse cifre per l'elettronica...girano meno soldi, la gente sta diventando più coerente verso il consumismo oltre che povera e se comprare o meno l'ultimo pc non è1problema per il cliente, per il venditore lo è essendo il suo lavoro;
                          4)Ormai tutti sanno come funziona (merito anche di internet chissà se sia un bene...) quindi dropship o meno è fin troppo facile farsi un sito ecommerce, sparare un prezzo e comprarsi un catalogo di 30000 articoli che non si possiedono realmente.Si risparmierà anche, ma non ci credo più a chi dice che si investe quasi zero vendendo in dropship per me è sbagliato.
                          5)La concorrenza deve esistere ma che sia coerente, non invadente e scorretta. Anche io conosco fornitori che col classico gioco del prezzo+ iva ti propongono il prezzo finale senza margine uguale al prezzo al pubblico che fanno loro, infatti da me non prendono 1€.Troppo facile anche per i fornitori che dicono di offrire il servizio dropship e poi fanno pubblicità al loro sito, non accettano i resi e/o comunque gestiscono con i piedi la cosa e addirittura vendono ad ogni modo anche al dettaglio. Del resto alcuni fornitori di quella lista si reggono solo grazie ai manager miliardari che ci sono dietro e alla vendita al pubblico visto che alcuni mostrano anche i prezzi di acquisto a chiunque navighi solo sul sito...che etica commerciale è quella lì?

                          Il problema è tutto questo, e in Italia inoltre ogni innovazione di mercato diventa subito una risorsa esauribile in poco tempo, perchè tutti vogliono farlo e lo si può fare con facilità rovinando il mercato stesso. Tutti a fottersi l'uno con l'altro perchè siamo italiani.Ho sempre sostenuto questa cosa fin dall'inizio da quando il dropship in rete non era contemplato. Del resto ci sono anche privati che fanno dropship rimbalzando su altri siti visto che la fidelizzazione del cliente non esiste più...grazie anche a qualche altro servizio.
                          Anche internet, i forum ecc hanno contribuito a sgretolare l'esperienza dell'ecommerce, perchè in internet è troppo facile tutto, ottenere tutto,informarsi ecc viva la libertà d'informazione ma i contro sono questi ed ora si conoscono tutti i "segreti" e una cosa non matura mai in modo regolare perchè cresce in troppo poco tempo e anche perchè esiste chi copia, chi ruba, i cinesi e pure la "cara" e "vecchia" crisi che di certo non aiuta i consumi.Ormai molti gironzolano su internet solo per guardare e basta.
                          Scusatemi se mi sono dilungato ma avendo esperienza in questo settore da 5 anni e da 2 come ecommerce ho elaborato questa teoria...e più passa il tempo più mi accorgo che diventa vera.

                          Commenta


                          • #14
                            ciao...ho letto la tua considerazione e lungi da me iniziare una polemica infinita visto tra l'altro che su molte cose che hai scritto sono d'accordo.

                            Dico solo che certe cose non servono, anzi è sbagliato dire un'idea come fosse una legge.

                            L'ecommerce è difficile per la burocrazia e poi aggiungi che è facile fare un sito di ecommerce e iniziare con 30000 articoli, sicuro?

                            Ad ogni modo la discussione parlava di altro, poi ognuno può dire quello che vuole, ma non dare legge in generale, opinione ha un altro significato, tutto qui. Non risponderò non ho voglia di polemica, ma non sopporto chi sa già tutto di tutti e scrive qui senza aiutare nessuno, ma dicendo "c'è la crisi" o si "guadagna poco" ecc...cavoli davvero?nessuno che dice che si fanno i milioni di euro al mese?.....

                            Commenta


                            • #15
                              dropschipper

                              Anche io mi trovo nelle tue stesse condizioni!
                              trovo solo dropschipper,che ti danno margini ridicoli.....e quindi non ti permettono di lavorare.
                              luciano

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X